L’APPRENDIMENTO TECNICO E PROFESSIONALE DURANTE LA PANDEMIA COVID IN EUROPA

Sebbene la pandemia abbia avuto in Europa pesanti ripercussioni su ogni settore dell’educazione, l’istruzione e l’istruzione professionale superiore  sono forse quelli che hanno sofferto di più. Questo impatto negativo avrà inevitabili ripercussioni sulla crisi economica che si sta delineando.

Per sua natura la formazione professionale deve svolgersi, almeno in parte, sul luogo di lavoro. Anche l’istruzione e l’istruzione professionale superiore, basata sull’apprendistato, non può avvenire totalmente on line.

Nell’articolo che segue, descriviamo le strategie messe in atto da Finlandia e Irlanda per cercare di preservare tirocini e apprendistati durante l’era Covid-19 e le misure assunte tempestivamente per tentare di prevenire e arginare la crisi economica.

Finlandia

image004Il 30 marzo 2020  il governo finlandese ha deciso di sospendere la didattica in presenza fino al 13 maggio 2020. L’insegnamento, da quel momento,  è proseguito principalmente sotto forma di apprendimento a distanza. Quando il 14 maggio l’insegnamento in presenza ha ripreso per tutti i livelli d’istruzione, il Governo ha raccomandato che anche l’apprendimento a distanza continuasse fino alla fine dell’anno scolastico per tutti i cicli dell’istruzione tranne l’istruzione di base. I paesi nordici stanno seguendo da vicino le azioni degli altri paesi per affrontare la sfida del Covid-19.

L’Agenzia nazionale finlandese per l’istruzione ha sostenuto insegnanti e studenti nell’insegnamento e nell’apprendimento a distanza. Il lavoro principale dell’insegnante è guidare gli studenti, a questo fine dispone di diversi strumenti e pratiche digitali suggerite dall’Agenzia.

Si è inoltre cercato di preservare la formazione sul posto di lavoro, laddove scuola e datore di lavoro ritengano che l’ambiente sia sufficientemente sicuro per lo studente. Il governo raccomanda il distanziamento  sociale sul posto di lavoro ove possibile e, in alcuni settori, si sono adottate restrizioni temporanee dovute alle caratteristiche di alcune professioni. Se non è possibile garantire la sicurezza degli studenti, si raccomanda di riprendere la formazione sul posto di lavoro solo quando il rischio non sussiste più.

image006La valutazione finale in Finlandia si basa sulla dimostrazione delle competenze  nell’ambiente di lavoro reale; non è previsto un esame finale nell’IFP finlandese. Se in questa situazione non è possibile organizzare per tutti gli studenti dimostrazioni di competenza sul posto di lavoro, il ministero dell’ istruzione dà la priorità agli esami programmati per completare la qualifica e diplomarsi  in primavera. La dimostrazione delle competenze acquisite può essere organizzata anche in ambienti di apprendimento simili a quelli del posto di lavoro, collocati al di fuori dei locali dove è stato effettuato il tirocinio. Ad esempio cantieri/laboratori scolastici o fattorie didattiche. Le prove di competenza devono essere sempre organizzate in modo tale che facciano riferimento il più fedelmente possibile ai compiti e ai processi di lavoro autentici, consentendo la valutazione delle capacità professionali. Qualora non fosse possibile, la valutazione delle competenze dovrebbe essere posticipata.

L’apprendimento, escluse le prove di competenza,  segue i programmi previsti, ma con l’aiuto di strumenti digitali. Nei casi in cui ciò non sia possibile, è previsto che le verifiche vengano posticipate.

Particolare attenzione è stata riservata a quegli studenti, che non possono studiare autonomamente o utilizzare strumenti digitali. L’orientamento e il sostegno sono stati organizzati in modo tale che gli insegnanti di sostegno, i consulenti per l’orientamento e gli addetti all’assistenza sociale siano disponibili virtualmente.

image008Gli studenti immigrati possono anche ricevere i compiti per posta. In casi eccezionali per l’istruzione e formazione professionale è stato possibile organizzare una quantità limitata di ore di insegnamento e orientamento nelle strutture scolastiche, ma sempre in modo sicuro per insegnanti e studenti.

Tale supporto dovrebbe rimanere disponibile anche dopo la crisi del Covid-19. I prossimi anni scolastici richiederanno un lavoro extra per recuperare il deficit e le differenze di apprendimento che si sono create  in queste circostanze eccezionali. Ciò significa investimenti aggiuntivi nell’insegnamento e nell’orientamento, nonché in altre azioni di supporto. Il Ministero dell’Istruzione e della Cultura si è già preparato per queste azioni.

 

Links

VET in Europe database – Finland

Finland: Covid-19 and vocational education and training

National news on VET

Irlanda

image010L’istruzione e l’istruzione professionale superiore in Irlanda hanno svolto a lungo un ruolo fondamentale per lo sviluppo del mercato del lavoro, per il miglioramento delle competenze e per la riqualificazione dei lavoratori. Nell’ottobre 2020, un totale di 295.860 persone hanno ricevuto l’indennità di disoccupazione a causa della pandemia; il 21 ottobre 2020 è stato introdotto il secondo lockdown nazionale e il numero è salito, in una sola settimana,  a 51.707. A questi vanno aggiunti 211.492 persone che sono state registrate a fine settembre.

Alcuni settori e occupazioni hanno subito un forte impatto: ad esempio il settore alberghiero, i servizi e la vendita al dettaglio. Esistono inoltre sfide collegate alla Brexit e all’automazione.

image012Recentemente sono stati introdotti investimenti,  per l’istruzione e l’istruzione professionale superiore, che mirano a migliorare, riqualificare, e fornire competenze per consentire ai diversi soggetti di sfruttare le opportunità del mercato del  lavoro. Ulteriori investimenti governativi nell’IFP sono stati annunciati nel pacchetto di proposte approvato a luglio; questo include anche la creazione di 35.500 nuovi posti per aumentare l’accesso all’ istruzione professionale superiore e aiutare le persone a riqualificarsi e, se necessario, a cambiare carriera.

Ulteriori misure sono state annunciate nel bilancio di ottobre: 64 milioni di euro verranno aggiunti al pacchetto di luglio; verranno creati 50.000 nuovi posti per accedere all’istruzione superiore e alla formazione professionale durante l’anno 2020/21; e un ulteriore finanziamento di 15,5 milioni di euro verrà riservato all’istruzione e formazione continua. Ulteriori interventi sono stati proposti nel budget annuale.

image014Il programma di incentivazione all’apprendistato di luglio si applica a tutti i programmi nazionali di apprendistato e a tutti i nuovi programmi di apprendistato lanciati nel 2020. Il programma offre, ai datori di lavoro, 3000 euro  per ogni nuovo apprendista registrato tra il 1 ° marzo e il 31 dicembre 2020. Si ottengono 2000 EUR per apprendista già al momento della registrazione, mentre nel 2021 verrà pagato l’importo aggiuntivo di 1000 EUR per ogni persona mantenuta in apprendistato.

Il programma denominato “Skills to compete” mira a sostenere coloro che hanno perso il lavoro a causa del Covid-19 e  li aiuta a rientrare velocemente nel mondo del lavoro. L’iniziativa offre una formazione mirata, suddivisa in moduli che combina tre tipologie di competenze:

  • Competenze trasversali necessarie per l’occupabilità;
  • Competenze digitali
  • Competenze specifiche di livello NFQ 4-6 (EQF 3—5) riguardanti settori di occupazione  in crescita.

Il dipartimento per l’istruzione superiore, la ricerca, l’innovazione e la scienza finanzia 19.000 nuovi posti a tempo pieno e part-time tramite questo programma.

Il Fondo per mitigare gli svantaggi educativi avrà a disposizione € 8 milioni e sarà utilizzato per sostenere l’istruzione della comunità e per coinvolgere gli studenti svantaggiati.

 Un ulteriore finanziamento di ulteriori € 1600 sarà utilizzato per promuovere le competenze che permettono ai dipendenti di progredire nel loro lavoro attuale o di sfruttare nuove opportunità di lavoro. Durante i primi tre trimestri del 2020 hanno partecipato al programma oltre 6.500 discenti.

image016 Si è inoltre introdotto un sostegno finanziario per la crescita  sostenibile, contemporaneamente è stato creato un nuovo programma di formazione riguardante le competenze necessarie. Un finanziamento aggiuntivo di € 8 milioni è stato stanziato per aumentare i posti per gli studenti migliorando le infrastrutture esistenti e far progredire l’agenda digitale.

Un investimento di € 30 milioni servirà a creare borse di studio per l’istruzione superiore e aiuterà le persone a tornare al lavoro e a migliorare le competenze dei lavoratori mentre si continua a gestire l’impatto del Covid-19. Il finanziamento creerà 11.597 posti in corsi di brevi durata e altri 2.555 posti in corsi post-laurea.

 

Per saperne di più:

This is FET Facts and Figures 2019

COVID-19 Pandemic Unemployment Payment

What is the Live Register

Ministers Humphreys & Harris announce new measures to get people back to work or education as part of the July Stimulus package

Budget 2021 – Ministers Harris and Collins announce a range of measures including €50 million fund to provide financial assistance for full-time students, new reskilling and retraining package and extension of Apprenticeship scheme 

Minister Mitchell O’Connor highlights range of supports available to groups at risk of educational disadvantage in further and higher education during Covid-19

Student Universal Support Ireland (SUSI)

Skills ot advance

Spring Board courses

 

Links

VET in Europe database – Ireland

Related Country: 

Ireland

Tags: 

Adult learning

Apprenticeship

Competence

Disadvantaged group

Education and training policy

Related Theme: 

Analysing policy

Related Project: 

Reporting on European training policy

VET in Europe

Related Network: 

ReferNet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *